Documentazione

 


 

Portunus è un motore di ricerca dedicato al Territorio Portuense di Roma (dov’è?).

Funziona con due tecnologie: Zotero per la classificazione e Google Custom Search per l’interfaccia-utente. Portunus interroga una banca-dati di 2800 risorse digitali, relative alla storia locale, gli edifici principali, i personaggi celebri e gli accadimenti significativi del territorio.

La banca-dati di Portunus è è aperta: puoi vedere quello che c’è dentro sfogliandola online attraverso un indice strutturato, oppure scaricarla offline in formato CVS. E puoi contribuire tu stesso ad arricchirla con nuove risorse.

Portunus adotta una classificazione decimale simile al Dewey (cos’è?). Le singole risorse digitali (chiamate OI, origini informative) sono ordinate in 7 sezioni, corrispondenti ad altrettanti quartieri (Marconi, Portuense, Magliana Nuova e Vecchia, Trullo, Corviale e Valle Galeria) + 2 sezioni ausiliarie: Territorio per le OI che trattano più quartieri e Città per le OI affini ma esterne al territorio. Ogni sezione è suddivisa in 4 classi, corrispondenti a diverse fasi storiche: l’Antico (dalle origini alla Caduta dell’Impero), il Moderno (dal Medioevo alla Prima Guerra mondiale), il Novecento (dal 1915 alla Bolla finanziaria del 2007) e il Contemporaneo (gli ultimi dieci anni). Ogni classe è ulteriormente ordinata in base all’argomento, in 6 sottoclassi.

Portunus nasce per essere un archivio collaborativo. Puoi collaborare con Portunus in molti modi. Se durante la tua navigazione nel Web ti imbatti in un link interessante, segnalacelo! La redazione penserà a classificarla. Se durante la navigazione incontri spesso dei link interessanti, puoi entrare a far parte della community di Portunus e diventare un navigatore. Dovrai scaricare il software Zotero (è gratuito) e le sue estensioni, e quindi collegarti alla communty. In questo modo sul tuo browser comparirà una piccola “Z”: appena ti imbatti in un link interessante clicca la Z e il gioco è fatto! Infine, se te ne intendi di archivi puoi passare all’interfaccia-redattore di Zotero e classificare le risorse inviate dai navigatori (contattaci).

Il nome “Portunus” è un omaggio a Portuno, la divinità locale che sosteneva i naviganti delle acque del Tevere.

Portunus è attualmente in fase beta. Siamo cioè siamo ancora in fase di test: a prove concluse Portunus dovrebbe essere pienamente funzionale.